compressore a cosa serve gonfiare ruote auto

Compressore a cosa serve? Guida all’uso

Il compressore a cosa serve e come funziona? Tutti hanno sentito parlare di questo strumento, ma qualcuno potrebbe non sapere quando si usa e per cosa. Andiamo a vederlo insieme.

Il compressore a cosa serve? A qualcuno potrebbe sembrare una domanda sciocca a meno che a farla non sia un bambino di 5 anni, ma non è detto che tutti conoscano i molteplici usi del compressore. Probabilmente la prima cosa che ci viene in mente per spiegare quando si usa è che il compressore è quello strumento che ci permette di gonfiare il canotto senza fatica quando siamo a l mare. Ma i suoi usi, sono molteplici e per questo è uno strumento adatto sia per usi professionali che per gli hobby e il fai da te. Scopriamo insieme quando usare un compressore, come funziona e quale modello scegliere se dobbiamo acquistarne uno.

Compressori, come sono fatti

Per comprendere un compressore a cosa serve dobbiamo innanzitutto capire di cosa stiamo parlando. I compressori sono apparecchi che sviluppando energia meccanica sono in grado di comprimere l’aria o un altro tipo di gas o vapore per sfruttarne poi la forza. Infatti l’aria immagazzinata è in grado poi di esercitare una forza che viene sfruttata per vari usi.

Grazie a questa forza sono in grado di svolgere varie operazioni, come appunto gonfiare un canotto al mare, o le gomme dell’auto. Ma come funziona un compressore esattamente?

Cerchi un compressore per gonfiare la piscina gonfiabile da mettere in giardino?

Scopri la nostra gamma di compressori!

Visita il nostro e-shop e scopri la vasta gamma di compressori a batteria o elettrici delle migliori marche per ogni esigenza

Come funziona un compressore

Come funziona dunque un compressore? Il meccanismo basilare del compressore è in linea di massima il seguente. Si ha un motore, un serbatoio una valvola di ingresso e una di uscita. Azionando il motore l’aria viene aspirata e compressa in un serbatoio di stoccaggio. Quando la pressione è al massimo, il compressore smette di pompare aria verso l’interno. Poi grazie a diversi strumenti quest’aria viene rilasciata esercitando una forza che consente di svolgere diverse funzioni.

materasso da campeggio gonfiato con compressore portatile

La compressione può avvenire in diversi modi ed ecco che abbiamo diversi tipi di compressori in base alle diverse tecnologie utilizzate. Abbiamo i compressori dinamici centrifughi, che sfruttano la forza centrifuga per aumentare la pressione. Poi ci sono i compressori volumetrici che comprimono con un’azione meccanica l’aria o i gas in un volume più piccolo e sono i più diffusi. Tra questi includiamo i compressori a pistoni, i compressori a vite o i compressori a palette. Il primo utilizza un pistone a cilindro per aspirare l’aria o il gas ed espellerlo. Il secondo utilizza la rotazione delle viti ingranate una sull’altra per aspirare l’aria, mentre il terzo sfrutta la rotazione delle pale per muovere l’aria e aumentare la pressione.

Compressore a cosa serve

Ora che abbiamo visto come funziona e come è fatto, andiamo a vedere brevemente un compressore a cosa serve. Con i compressori è possibile svolgere diverse operazioni, anche se non esiste un unico tipo di compressore per tutti gli usi. Per alcune operazioni saranno necessari compressori specifici, come ad esempio quelli industriali.

In generale con un compressore ad aria è possibile svolgere le seguenti funzioni:

  • gonfiaggio e sgonfiaggio di oggetti come palloni, gomme dell’auto, piscine gonfiabili
  • verniciatura auto o pareti o altre superfuici attraverso gli aerografi che altro non sono che compressori a pistone
  • sabbiatura in questo caso al compressore deve essere collegato un apposito strumento
  • potatura delle piante
  • pulizia sfruttando la potenza dell’aria e la capacità di penetrare nelle superfici (pensate agli spray per pulire le tastiere del computer).

A seconda poi di vari attrezzi che possono essere collegati ad un compressore è possibile svolgere azioni specifiche come levigatura, ecc.

Ma come scegliere un compressore se dobbiamo acquistarne uno? Vediamo quali sono le opzioni migliori per gli utilizzi di un compressore.

compressore per verniciatura

Come scegliere un compressore

Se devi comprare un compressore devi porti alcune domande per capire come scegliere un compressore al momento dell’acquisto. In base al tipo di lavoro che dovrai svolgere dovrai sapere quanta pressione e quale volume d’aria hai bisogno di esercitare. Infatti in base a questo bisognerà valutare anche come strutturare l’impianto per portare l’aria o il gas al tuo compressore Poi dovrai calcolare se l’impianto elettrico è in grado di reggere la potenza del compressore. Infine in base all’utilizzo  dovrai valutare la silenziosità o meno dell’apparecchio, in quanto i compressori possono essere molto rumorosi, a meno che tu non scelga un modello silenziato.

Questo se l’uso che devi farne è professionale. Se invece il compressore serve per usi domestici o per qualche hobby allora potrai optare per un compressore d’aria a batteria o a motore.

Compressore aria

Il compressore aria è il tipo di compressore più utilizzato e più venduto per hobby e usi domestici. Ne esistono di vari tipi e modelli. Generalmente la scelta di acquisto si orienta tra un compressore portatile e un compressore a motore.

Compressore portatile

Il compressore portatile permette di risolvere varie situazioni in casa, in viaggio o di portare a compimento diversi lavoretti di fai da te. In questa categoria includiamo i compressori a batteria. Questo tipo di compressore è di facile trasporto, ha una buona potenza e arriva in genere fino a 10-11 bar di pressione. E’ il modello ideale per gonfiare o sgonfiare canotti, materassini, palloni e pneumatici di moto, auto , piccoli furgoni o anche biciclette.

Compressore a motore

Il compressore a motore invece è maggiormente potente e versatile. Consigliato per chi ne fa un uso maggiore, come gli amanti del fai da te. Tra questi includiamo i compressori elettrici che possono essere anch’essi abbastanza compatti e facili da trasportare. La corrente permette di avere maggiore durata e potenza, ma di contro sarà necessario avere una presa a cui collegarli.I cilindri vanno da 1 a 2 hp, mentre la potenza si aggira intorno ai 1800 watt, e possono avere  serbatoi di stoccaggio di diverse dimensioni, dai 25 ai 50 litri.

In alternativa possiamo optare per i compressori a scoppio alimentati a benzina o diesel. Questi sono ideali per lavori grossi o semi-professionali, ad esempio per operazioni come la raccolta delle olive.