come scegliere aspirapolvere moquette

Come scegliere l’aspirapolvere, consigli

Come scegliere l’aspirapolvere, si chiedono in molti quando arriva il momento di acquistare questo elettrodomestico. In commercio ne esistono molti modelli, ma qual è esattamente la differenza tra loro? Ecco alcune informazioni per aiutarvi nella scelta.

L’aspirapolvere è uno di quegli elettrodomestici che non possono mancare in casa perché ti consentono di combattere il nemico più grosso della pulizia: la porvele che si accumula ogni giorno sui pavimenti, specie se in parquet. Ne esistono vari modelli, a batteria, a filo, con o senza sacchetto. Ognuno di questi risponde a diverse esigenze anche di prezzo. Facciamo una panoramica sui modelli più comuni per cercare di capire come scegliere l’aspirapolvere.

Come scegliere l’aspirapolvere: caratteristiche

Per capire come scegliere l’aspirapolvere dobbiamo innanzitutto comprendere quali sono le caratteristiche che deve avere per avere una buona riuscita. Dato che se ne fa un uso quotidiano, questo elettrodomestico deve essere resistente e potente, altrimenti rischia di rompersi dopo poco tempo. Innanzitutto come funziona questo apparecchio? sostanzialmente aspira aria piena di polvere all’interno di un serbatoio grazie al motore a turbina che è alloggiato all’interno e che crea il risucchio di aria attraverso il tubo.

donna che passa aspirapolvere senza fili

L’aria calda generata dal funzionamento fuoriesce dalla parte posteriore dell’apparecchio. Al corpo centrale, dove alloggia motore e serbatoio per raccogliere la polvere (con o senza il sacchetto) è collegato un tubo estensibile o flessibile. A quest’ultimo è possibile attaccare vari accessori in dotazione: scopa per piastrelle, per parquet, per tessuti, per angoli, per tappezzeria. Questi variano da modello a modello. Ma quali caratteristiche devi considerare nella scelta prima di decidere il modello?

Caratteristiche

Prima di acquistare aspirapolvere bisogna considerare le seguenti caratteristiche dalle quali dipende il funzionamento e la riuscita dell’aspirapolvere. Innanzitutto la potenza che si esprime in watt che determina il consumo energetico e le altre caratteristiche. tra queste troviamo

  • capacità di aspirazione che determina quanta aria può aspirare in termini di volume (litri/minuto)
  • la forza di aspirazione, detta in termini tecnici depressione espressa in kilo/pascal: più è forte, maggiore sarà la capacità di aspirare
  • l’estensione in cm² dei filtri al suo interno che permette di trattenere acari e polvere
  • la capienza del sebatoio in litri
  • il peso dell’aspirapolvere da cui dipende anche la manegevolezza
  • la lunghezza del tubo telescopico per pulire superfici più ampie
  • la silenziosità misurata in decibel

Quindi un aspirapolvere leggero, con una forte potenza( circa 1200 w) e aspirazione (15 KpA) e 70 db, un livello sonoro basso e un serbatoio capace (1-3L) risulta essere un elettrodomestico che garantisce buone prestazioni e durata per uso domestico.

Come scegliere l’aspirapolvere: modelli

Esistono diversi modelli di aspirapolvere. Ecco i più comuni.

Aspirapolvere a batteria

L’aspirapolvere a batteria per grandi superfici si sta diffondendo sempre più grazie alla tecnologia sempre più sofisticata e a batterie potenti e ad alto amperaggio che ne garantiscono anche la lunga durata. La mancanza di filo costituisce un pro perché è possibile passare da un a stanza all’altra senza dover staccare e riattaccare l’aspirapolvere. Dotati di diversi tipi di spazzole e privi di sacchetto stanno rivoluzionando il mercato degli aspirapolvere. Noi di GS ti suggeriamo il modello a batteria Ciclonico Extreme Power XL senza fili di classe A+++ che ti consente di pulire senza sacchetti e fili e ad un ridotto consumo energetico.

Scopri l'aspirapolvere a batteria ciclonico Extreme Power XL

Potenza e leggerezza per una pulizia rapida e veloce

Aspiratore senza fili, con serbatoio da 1 litro e batteria a lunga durata per pulire anche gli angoli più nascosti.

Aspirapolvere con filo

L‘aspirapolvere con filo rientra tra i modelli tradizionali. Ha il vantaggio di essere più grande e quindi dotato di serbatoio più grande e più potente. Non avendo una batteria che si scarica, può essere utilizzato anche per più tempo e quindi per pulizie che richiedono maggiore durata.

I modelli con il filo sono di solito a traino, quindi muniti di ruote per portarli da una parte all’altra della casa. A questa categoria appartengono anche gli aspirapolveri utilizzati per la raccolta di truciolati o detriti che sono diversi da quelli per uso domestico.

Aspirapolvere con sacchetto

L’aspirapolvere con sacchetto è un modello che cattura la polvere e le briciole in un apposito sacchetto di carta o di tessuto allocato nel serbatoio. Il vantaggio del sacchetto è che una volta pieno dovrai semplicemente sostituirlo senza dover pulire il serbatoio. Il sacchetto contiene maggiormente la polvere e gli acari. Man mano che si riempie però l’aspirapolvere perde potenza di aspirazione.

Aspirapolvere senza sacchetto

In genere meno igienico di quello con il sacchetto, ma di sicuro più pratico, l’aspirapolvere senza sacchetto, specie se ciclonico, è ideale per le abitazioni, ma non per laboratori e cantieri. Polvere e residui si depositano direttamente nel serbatoio. Una volta pieno questo va svuotato e pulito, una operazione meno piacevole se si è allergici alla polvere.

Visita il nostro sito gsdtribution.it e trova il modello di aspirapolvere che fa per te!

Potrai scegliere tra un’ampia gamma di modelli di aspirapolvere, sia per solidi che liquidi, con o senza sacchetto.