Come impostare stufa a pellet: la guida completa

Come impostare stufa a pellet?

Non sai come impostare stufa a pellet? In questo articolo ci occuperemo di tutti quegli aspetti legati alla regolazione pellet e al buon funzionamento di questo sistema di riscaldamento.

Negli ultimi anni sono spuntate nelle case degli italiani sempre più stufe a pellet, grazie ai loro molteplici vantaggi. Infatti, non solo sono meno inquinanti rispetto agli altri sistemi di riscaldamento, ma ti permettono anche di risparmiare sulla spesa energetica. Tuttavia, il risparmio non è sempre garantito, soprattutto se non sappiamo come impostare stufa a pellet. Per farlo abbiamo bisogno di conoscere i principi fondamentali per regolare a dovere la nostra stufa.

Regolazione stufa a pellet: scegli combustibile di qualità

Per prima cosa scegli pellet di qualità. Tutti sanno che cos’è il pellet: materiali di scarto del legno, compattati ed essiccati per poter essere bruciati all’interno della stufa. Sebbene il procedimento sia uguale per tutti i tipi di pellet, l’uno non è uguale all’altro. Infatti, quando andiamo a fare rifornimento di materiale da ardere noteremo di sicuro differenze di prezzo. In media il pellet ha un costo di 5€ al kg, ma è possibile trovarlo anche a prezzi inferiori.

La tentazione di acquistare pellet di basso costo ci può spingere a fare grossi rifornimenti di tale materiale da bruciare. Eppure, il risparmio effimero ci condurrà ad una spesa maggiore nel medio periodo: aggiustare la stufa. Infatti, i combustibili di scarsa qualità intasano il braciere, che non riuscirà più ad accendersi o comunque a funzionare male. Inoltre, pellet di cattiva qualità ha un basso potere calorifero, il che vuol dire che per riscaldare casa avrai bisogno di più pellet. Dov’è il risparmio ora?

Taratura stufa a pellet: controlla la bocchetta di erogazione

Sapere come impostare stufa a pellet significa anche conoscere la funzione della bocchetta di erogazione. Facciamo un piccolo riepilogo. Il sistema di questo tipo di stufa consiste nella combustione di un materiale, il pellet, che viene inserito nel serbatoio. Da qui passa al bruciatore, attraverso uno scivolo in cui la coclea spinge i diversi pezzi di truciolato. Quando notiamo che la stufa non funziona bene le cause possono essere davvero molto banali.

Ad esempio, se la stufa non si accende oppure notiamo che la fiamma è debole il problema potrebbe essere proprio nel pellet. Se è troppo lungo, infatti, questo si incastra nella bocchetta andando ad intasare tutto il sistema. La soluzione potrebbe essere quella di cambiare dimensione del pellet acquistando un’altra marca e facendo una prova. Questa piccola attività di manutenzione ha una grande utilità, soprattutto per dispositivi come stufa a pellet Camilla, date le sue dimensioni compact, ideali per ambienti ridotti.

Regolare stufa pellet: il bruciatore

Un elemento molto utile per impostare stufa a pellet è proprio il bruciatore. Si tratta di quella parte in cui avviene la combustione del pellet a contatto con la fiamma. In fase di accensione, devi impostare la fiamma alla massima potenza. In questo modo, la macchina comincia a raggiungere la temperatura ideale in tempi brevi per poi assestarsi su quella impostata attraverso il termostato. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, la stufa comincerà a impiegare meno combustibile, così da mantenere stabile il grado di calore. Questo meccanismo di solito è automatico all’interno di questi sistemi di riscaldamento. Tuttavia, qualora questa funzione non sia presente, puoi sempre regolare la stufa a pellet manualmente. E cioè, dopo aver acceso alla massima potenza la stufa e, raggiunta la temperatura desiderata, imposta il bruciatore a potenza media.

Regolazione stufa pellet: la temperatura massima

L’ultimo punto della nostra guida su come impostare stufa a pellet riguarda la temperatura massima. Forse non tutti sanno che esiste per legge la temperatura ideale in casa. Sono i decreti legislativi 412/93 e 551/99, secondo cui la temperatura da mantenere in casa deve essere compresa tra i 18 e i 22 gradi. Quindi, al di là delle prestazioni della stufa, che possono variare di macchina in macchina, bisogna attenersi alle regole. La temperatura massima di 22 gradi, infatti, è una regola di civiltà e di responsabilità nei confronti delle future generazioni che riceveranno il nostro lascito.

Cerchi una stufa a pellet pratica e d'arredo?

GS Distribution ha quello che fa per te.