una casacca sanitaria da infermiera

Come deve essere l’abbigliamento sanitario?

L’abbigliamento sanitario deve rispettare alcuni requisiti e garantire la sicurezza di chi opera in questi ambienti. Vediamo in generale quali sono le caratteristiche che devono avere le divise sanitarie per infemieri, oss, ect.

Come in ogni ambito lavorativo, l’abbigliamento professionale ha la sua importanza. Se in banca è una questione di stile e formalità, per alcune professioni l’abbigliamento può avere un’importanza vitale. Pensiamo a quante divise da lavoro rientrano nella categoria dei dispositivi di protezione individuale perché appunto devono proteggere i lavoratori dai pericoli derivanti dal loro mestiere. Questo è anche il caso dell’abbigliamento sanitario. In ambito medico-sanitario, l’abbigliamento è importantissimo: non solo in situazioni straordinarie come quelle che stiamo vivendo oggi con la pandemia di Covid-19, ma anche in situazioni ordinarie. Ecco quindi una panoramica sui principali requisiti che deve avere l’abbigliamento sanitario professionale.

Abbigliamento sanitario: i fattori da considerare

L’abbigliamento sanitario si contraddistingue per delle caratteristiche specifiche che sono proprie di questo ambito. Innanzitutto esistono diversi tipi di divise sanitarie a seconda del ruolo che ognuno svolge in questo settore: medici, infermieri, operatori socio-sanitari. Il riconoscimento del ruolo è un fattore importante per pazienti e visitatori.

Non meno importante è l’igiene che è anche in questo caso fonte di sicurezza. Le divise sanitarie possono essere contaminate da batteri e germi, specie nei polsini e nelle tasche. Per questo motivo bisogna cambiarle spesso e lavarle accuratamente. Quindi anche i materiali devono essere tali da poter garantire l’igiene durante il lavaggio, ma anche mantenere i colori che rispecchiano il ruolo di ogni operatore.

Facciamo una panoramica di come devono essere le divise sanitarie per rispecchiare queste caratteristiche.

 

Scopri l' abbigliamento sanitario professionale Siggi e Isacco su gsdistribution.it!

Abbigliamento sanitario professionale come deve essere fatto

L‘abbigliamento sanitario professionale deve garantire praticità, comodità e igiene a chi lo indossa, poiché spesso chi opera in clinica o in ospedale trascorre molte ore in piedi. Per questo motivo le divise sanitarie sono comode e fluide per facilitare i movimenti.

Sono inoltre realizzate in materiali che garantiscono la traspirazione e riducono al minimo il rischio di allergie. Inoltre devono essere lavabili frequentemente per assicurare una corretta igiene. Per questo motivo sono spesso realizzati con cotone o misto cotone poliestere.

Ma di quali elementi è fatta una divisa sanitaria?

uomo e donna in divise sanitarie

Divise sanitarie elementi che le compongono

Le divise sanitarie sono costituite da due o più elementi a seconda del ruolo professionale. Ecco alcune indicazioni di massima.

Casacche sanitarie

Le casacche sanitarie sono caratterizzate per l’assenza di maniche e colletti per garantire una maggiore igiene. Infatti queste zone rischiano di diventare ricettacolo di germi e patogeni. Spesso caratterizzati da scollo a v, si presentano in vari colori in base al reparto. Possono essere bianchi, rosa pallido, verdi o azzurri. Alcune professionisti come dentisti o fisioterapisti possono indossare casacche a manica lunga.

Pantaloni sanitari

I pantaloni sanitari sia maschili che femminili sono generalmente fluidi e caratterizzati da un elastico in vita per facilitare la vestizione e la svestizione. devono essere molto pratici e comodi in quanto devono facilitare i movimenti specie in casi di intervento di emergenza o quando si sposta un malato o si cammina per i corridoi. In alcuni casi hanno anche un elastico alla caviglia per maggiore praticità ed igiene. Generalmente presentano due tasche anteriori e si presentano in vari colori, così come le casacche.

Camici sanitari

Generalmente ad indossare i camici sanitari è il personale medico, ed è proprio questo un elemento di distinzione di questo ruolo. I camici sono rigorosamente quasi sempre bianchi e abbottonati davanti con abbottonatura singola o a doppio petto con taschino per riporre alcuni strumenti.

A completare le divise troviamo le calzature che devono rispecchiare le norme UNI EN ISO e garantire stabilità, traspirazione e protezione del piede.